House MD – Season 8 Premiere – Recensione

Un medico geniale e controcorrente come House non poteva che adottare un’estrema terapia d’urto per liberarsi della malattia più grave che potesse capitare ad un cinico come lui: l’amore. Così è piombato in casa della dr.ssa Cuddy sfondando una parete con la sua auto ed ha lasciato il paese per tre mesi. Ora lo ritroviamo nel posto che gli spetta: il carcere.

House 8×01: 20 Vicodin

Regia: Greg Yaitanes
Interpreti: Hugh Laurie, Odette Annable, Thom Barry, Jude Ciccolella.
Provenienza: USA
Durata: 41 min.
Emittente: Fox
Data di messa in onda: 3 ottobre 2011 (USA)

Recensione

E la Cuddy non è uscita soltanto dalla vita di House ma anche da quella dei telespettatori visto che in questa stagione, forse l’ultima della serie, il personaggio interpretato dall’amatissima Lisa Edelstein non tornerà. Lo Sherlock Holmes della medicina è finito in prigione per il guaio che ha combinato, un destino che l’anno scorso era toccato a 13, la splendida e brillante dottoressa affetta da Huntington che ha il volto di Olivia Wilde.

É un inizio di stagione che ricorda quello della sesta serie, in cui il protagonista era invece rinchiuso in manicomio. Emerge anche qui l’anticonformismo del buon Gregory, pronto a sbattere in faccia alla commissione per la libertà condizionata tutta l’ipocrisia del sistema legale e carcerario. In ogni caso, se righerà dritto per altri cinque giorni, otterrà la scarcerazione.

Ma House lo conosciamo. Se non si caccia nei guai sono i guai a cercare lui e i rapporti con gli altri detenuti non sono dei più semplici. Tra criminali e assassini d’ogni risma, il più temibile è un nazista che gli estorce il Vicodin, il medicinale che deve assumere per lenire il dolore alla gamba zoppa e che di solito butta giù come caramelle. Il suo gigantesco compagno di stanza è invece uno psicopatico con un grillo malato.

Il celebre diagnosta interpretato dal sempre straordinario Hugh Laurie ha un solo alleato di cui si fida e che gli fa da consigliere nelle questioni tra detenuti. Spunta anche Jaleel White, che qualcuno ricorderà nel ruolo del nerd Steve Urkel nella sit-com Otto sotto un tetto (Family matters). Mantenere la buona condotta tra i violenti attaccabrighe del carcere non è facile, soprattutto per uno con l’indole impulsiva di House ma il suo genio lo aiuta a sopravvivere. Per citare Rorschach in Watchmen:”Non sono io ad essere rinchiuso qui dentro con voi. Siete voi ad essere rinchiusi qui dentro con me.”

Naturalmente non può mancare il caso medico su cui lavorare. Si tratta di un ragazzo che accusa febbre e dolori alle articolazioni. Nella sua condizione, House non può esercitare ma a dargli una mano c’è la dr.ssa Adams, la new-entry Odette Annable che è brava e carina, e questo è un bene, e sostituirà Olivia Wilde che lascerà definitivamente la serie dopo un paio di puntate. E questo è un male. Tanto per cambiare, per salvare il paziente, il nostro antieroe dovrà rischiare il tutto per tutto e forse rimettere in discussione la sua scelta di lasciare la medicina per darsi alla fisica.

Tutte le serie tv, nell’arco di sette stagioni, vivono di alti e bassi. La stanchezza è fisiologica. Eppure House MD continua a mantenersi su ottimi livelli grazie soprattutto alla simpatica antipatia del personaggio, all’interpretazione sempre convincente di Laurie e ad uno staff di sceneggiatori a cui le idee non mancano. Di certo il miglior medical drama di sempre.

Voto: 7


6 Comments

  1. MangaForever 8 novembre 2011
  2. MangaForever 8 novembre 2011
  3. MangaForever 9 novembre 2011
  4. MangaForever 9 novembre 2011
  5. MangaForever 9 novembre 2011
  6. MangaForever 10 novembre 2011