Puella Magi Madoka Magica Limited Fan Edition Vol. 1 – Recensione

madoka magica
La rivisitazione del genere maghette realizzata da Shaft debutta anche nel mercato home video italiano con una ricca edizione limitata in grado di soddisfare ogni appassionato.

Puella Magi Madoka Magica Limited Fan Edition Vol. 1 

Regia: Akiyuki Shinbo
Realizzazione: Shaft, 2011
Editore: Dynit
Prezzo: € 49,99, edizione limitata DVD + Blu-ray + CD + Card + Booklet + Figure

 


Ad aprire Puella Magi Madoka Magica è l’incubo che una notte turba il sonno di Madoka Kaname, una ragazzina di seconda media come tante altre, di buon cuore, un po’ timida e imbranata che non spicca per particolari qualità: una visione apocalittica di una battaglia sullo sfondo della città devastata, in cui è una sua coetanea a combattere, dotata di poteri magici.
La mattina seguente si reca a scuola e con sua grande sorpresa da quel giorno la stessa ragazzina da lei sognata si presenta in classe come nuova studentessa: il suo nome è Homura Akemi, e sembra conoscere già Madoka, alla quale dice cose di cui fa fatica a cogliere il senso.
Nel dopo scuola Madoka e la sua amica Sayaka si trovano in un negozio di musica ad ascoltare CD, quando Madoka sente una voce che le chiede aiuto: seguendola finisce in un inquietante labirinto, a metà tra un dipinto surrealista sotto acido e i videoclip musicali a passo uno dei primi anni ottanti, popolato da strane creature.
In quel posto da incubo le ragazze faranno un doppio incontro che potrebbe cambiare il loro destino: Mami Tomoe, una coetanea dotata di poteri magici che salva loro la vita, e Kyubey, uno strano essere che propone a Madoka e Sayaka di diventare delle maghe: se accetteranno il contratto Kyubey esaudirà ogni loro desiderio, a patto che le due assolvano il compito di cacciare le streghe, le malvagie entità responsabili degli assassini e dei suicidi che affliggono il mondo.
Quale sarà la risposta delle ragazzine all’offerta di Kyubey? E perché Homura è intenzionata a impedire con ogni mezzo che le due sottoscrivano il contratto?

Come si è già capito grazie alla diffusione sottotitolata su PopcornTV prma e ora attraverso la trasmissione in lingua italiana su Rai4, quella che a prima vista può dare l’impressione dell’ennesima serie di maghette per ragazze, allegra e spensierata, si rivela essere tutt’altro già dopo una manciata di episodi: sviando il pubblico con un character design volutamente infantile e “puccioso”, il gruppo creativo Magica Quartet (composto dal regista Akiyuki Shinbo, dallo scrittore Gen Urobuchi, dall‘illustratrice aokiume e dal produttore Atsuhiro Iwakami) prende i luoghi comuni del genere come il folletto/mascotte dal buffo aspetto, l’accettazione dei poteri o la missione da compiere e li scuote dalle fondamenta, portandoli in direzioni sorprendenti e soprattutto in una dimensione molto drammatica, oscura e cinica in grado di appassionare un pubblico sia maschile sia femminile, non solo giovane ma anche più adulto.
Di importanza sempre maggiore, poi, troviamo la riflessione sulle responsabilità (connesse ai poter come alla vita quotidiana), su cosa significhi davvero essere un’eroina, quali rischi si corrano e cosa comporti vivere con la morte accanto: anche qui le sorprese non mancheranno, a partire dalle battute finali del terzo episodio.

Il tutto messo in scena con suggestiva eleganza formale, asettica negli ampi ambienti metropolitani, fantastico-bizzarra nelle ambientazioni claustrofobiche dei labirinti popolati dalle streghe; molto curato il design dei personaggi, dai ricchi costumi alle espressioni dei volti, e dinamiche e spettacolari le sequenze di combattimento, a partire dal sogno di Madoka che prelude al primo episodio.
Particolarmente evocativa la colonna sonora, che si sposa perfettamente con le immagini.

Per una serie che ha fatto tanto parlare di sé gli appassionati sin dalla prima messa in onda giapponese (Gennaio 2011), Dynit propone un’edizione italiana il cui fiore all’occhiello è costituito dalla ricca Limited Fan Edition, tra le migliori confezioni (se non la migliore) mai viste per un anime in Italia, sia per contenuti che per qualità dei materiali.

Il booklet di 32 pagine, tutto a colori, è stampato senza sbavature di sorta su carta di adeguata grammatura: presenti non solo interviste allo staff e al cast, settei, introduzioni agli episodi ma anche brevi episodi a fumetti e una sezione, in esclusiva italiana, che descrive le streghe con i commenti dei designer responsabili.
La card, formato 10×14 cm, presenta la medesima illustrazione della copertina ma in versione estesa e con effetto madreperlato.
Il CD contiene i brani strumentali della colonna sonora, e può contare su un case standard e su una grafica di copertina ben curata.
La figure, originale giapponese, allegata alla prima uscita è Madoka nella versione super deformed della linea Petit Nendoroid della Good Smile Company.
DVD e Blu-ray godono entrambi di una realizzazione praticamente impeccabile, in grado di offrire un comparto audiovisivo di primo livello quale dei due supporti si scelga; in particolare la resa del blu-ray è sorprendente, per definizione dell’immagine, sia statica sia in movimento, e resa dei colori. Gli extra su disco prevedono il trailer italiano e le sigle “Connect” e “Mata Ashita” in triplice versione: senza crediti, con testo e con traduzione.
Il rapporto qualità/prezzo, quindi, è più che proporzionato se non concorrenziale.

Il doppiaggio italiano è di discreta qualità, direzione e recitazione sono convincenti anche se non ai livelli del collega dell’Anime Morning AnoHana, per cui al momento sembra essere stato fatto un lavoro migliore; inizialmente Madoka non convince molto rispetto alla controparte originale, apparendo un po’ spenta, ma fortunatamente non tarda molto a migliorare entrando nella parte. Nulla da segnalare sul resto del cast.


VOTO: 8

CONDIVIDI

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • RSS
  • Print